Il dilemma del Fritto !!

  Fa bene, fa male? Quale olio è meglio? 

FrittoPesce

Quando preparo il fritto a casa la maggior parte dei miei amici e parenti mi guarda con sospetto e incredulità… “ma come una salutista come te mangia e cucina fritto? Non me lo sarei mai aspettato…” . Si perché il fritto è il primo nemico della salute e di tutte le diete, ma come da sempre mi ostino a ripetere, non amo demonizzare nessun tipo di alimento tutti gli eccessi fanno male e vanno evitati, anche l’acqua se troppo può far male hiihi 😉 .. quindi in una dieta sana ed equilibrata, un fritto fatto come “Dio comanda” non può che far bene al palato, ma anche all’umore. Quindi SI, anche io che ogni tanto mi concedo un buon fritto. E voglio darvi qualche consiglio per renderlo il meno “nocivo” possibile partendo dalla scelta dell’olio più adatto, fino alle tecniche da usare per friggere.

Sulla scelta dell’olio se ne dicono di cotte e di crude, io vi dico quale uso e perché poi a voi la scelta ;). Prima di tutto per scegliere l’olio più adatto per friggere bisogna partire dal punto di fumo, ossia la temperatura massima raggiunta la quale l’olio inizia a bruciare e quindi a decomporsi sprigionando sostanze tossiche per l’organismo.

La produzione di sostanze tossiche dipende oltre che dal superamento del punto di fumo anche da: temperatura di conservazione dell’olio, tempo di esposizione al calore, concentrazione degli acidi grassi polinsaturi (tra gli acidi grassi sono i più instabili e se sottoposti ad alte temperature producono sostanze nocive per la nostra salute).

Quindi per scegliere l’olio nutrizionalmente più adatto per friggere bisogna valutare il livello di concentrazione di acidi grassi polinsaturi e il livello massimo del punto di fumo.

Tra i vari oli in commercio dunque, quelli che più di tutti a mio avviso rispettano tali condizioni sono gli oli d’oliva (non per forza extravergine che si sa essere molto costoso e a volte troppo aromatico per certe ricette) e l’olio di arachidi. Entrambi infatti, hanno un elevato punto di fumo ( rispettivamente 210°c e 180°C) e una più equilibrata concentrazione dei diversi acidi grassi, in particolare sono meno ricchi di polinsaturi (10% e 30% rispettivamente).

Per avere una frittura fatta a regola d’arte e che salvaguardi la nostra salute però, non basta solo aver scelto l’olio migliore bisogna anche far attenzione a seguire delle semplici regole:

  • Tenere sotto controllo la temperatura dell’olio, per friggere non deve superare i 180°C quindi meglio usare una friggitrice o un termometro, altrimenti se fatta sul gas attenti alla fiamma, alzatela solo quando immergete il cibo che è naturalmente più freddo;
  • Ridurre i cibi da friggere in piccole porzioni e asciugateli bene se c’è dell’acqua;
  • Friggete sempre in olio abbondante tanto da far galleggiare i cibi agevolmente, meno olio c’è più il fritto sarà unto e pesante;
  • Non friggete troppe porzioni insieme altrimenti la T° si abbassa bruscamente;
  • Non introducete cibi troppo freddi, meglio che raggiungano la T° ambiente;
  • Qualsiasi spezia e anche il sale, va aggiunto a frittura terminata in quanto accelerano l’alterazione degli oli e dei grassi;
  • Al termine della frittura è bene asciugare l’eccesso di olio con della carta assorbente;
  • Se ami insaporire le fritture di pesce con il limone non usare il succo che ammolla la panatura, ma grattugia un po’ di scorza che conferisce lo stesso aroma preservando la croccantezza;
  • Evita di aggiungere olio nuovo a quello esausto. L’olio fresco infatti a contatto con quello esausto si altera più velocemente;
  • Proteggi gli oli e i grassi confezionati da fonti di luce e calore;

Ora siete pronti anche voi a concedevi di tanto in tanto un piccolo peccato di gola stando attenti alla vostra salute 😉 … quando ce vò.. ce vò…!!!! e vale pure per i fritti ahahahhah !!!!!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...